martedì 27 dicembre 2011

Oltre il danno anche la beffa, la tbc al Gemelli come è andata a finire?

Colgo l'occasione, in ritardo, di augurarvi un Buon Natale... purtroppo una gastroenterite mi ha messo k.o. proprio i giorni antecedenti il Natale ma ora ...rieccomi (detta così sembra una minaccia!!!). Devo essere sincero non ho molto materiale ma leggendo un pò i giornali ho scoperto questa notizia che fà rabbrividire

mercoledì 21 dicembre 2011

La guerra economica, alcuni dati da tener presente.

Stò ascoltando Ballarò...il Direttore Generale della Conad Francesco Pugliese dice...:

martedì 20 dicembre 2011

venerdì 16 dicembre 2011

Sei rivelazioni shock sul "governo segreto" di Wall Street


- DI LES LEOPOLD – Alternet.org -
Alti funzionari hanno volontariamente mascherato la vera dimensione dei salvataggi del 2008-’09 al Congresso e all’opinione pubblica. Ora abbiamo prove concrete che Wall Street e Washington

mercoledì 7 dicembre 2011

Islanda: la rivoluzione silenziosa. L'economia mondiale che vuole metterla a tacere.

[...]Per me libertà e giustizia sociale, che poi sono le mete del socialismo, costituiscono un binomio inscindibile: non vi può essere vera libertà senza la giustizia sociale, come non vi può essere vera giustizia sociale senza libertà. Ecco, se a me socialista offrissero la realizzazione della riforma più radicale di carattere sociale, ma privandomi della libertà, io la rifiuterei, non la potrei accettare. [...] Ma la libertà senza giustizia sociale può essere anche una conquista vana. Si può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha un lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli e educarli? Questo non è un uomo libero. [...] sapete di chi era questa frase molto attuale? continua a leggere e aprirai gli occhi anche tu

mercoledì 30 novembre 2011

lunedì 28 novembre 2011

Le aliquote contributive in Italia

Chi legge questo blog sa che di tanto in tanto appaiono notizie che mi vengono riportate da amici io le verifico e poi le pubblico, questa è una di quelle.

venerdì 25 novembre 2011

Articolo 33 della Costituzione Italiana

Per una maggiore chiarezza riporto per intero l'art. 33 della nostra costituzione:"L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento. La Repubblica detta le

giovedì 24 novembre 2011

Opere incompiute.


Stavolta non parlo di problemi a livello nazionale ma a livello locale e "contro" quella parte di amministrazioni che non sanno amministrare il territorio o gestire

martedì 22 novembre 2011

lunedì 21 novembre 2011

domenica 20 novembre 2011

mercoledì 9 novembre 2011

Le barzellette dall'Italia


Dispiace dirlo, ma siamo lo zimbello della comunità europea, probabilmente sarà colpa di tutta la stampa comunista che c'è in Italia però

lunedì 7 novembre 2011

Il movimento di Grillo: qualcosa che molti non sanno

E' passata qualche settimana dal risultato delle elezioni del Governatore del Molise e la sconfitta di misura del centro-sinistra fa gridare ai vari Bersani, D'Alema, Veltroni e Franceschini che Grillo gli ha rubato la vittoria, ma è proprio così?

giovedì 27 ottobre 2011

L'evoluzione del bar

Sembra auto ironico parlare del bar quando con io con questo banale blog ho usato il nome per dare l'idea di amicizia e scambio di opinioni. La riflessione mi è

martedì 25 ottobre 2011

Aeroporti fantasmi

Leggendo l'Espresso di venerdì mi sono venuti i "fumini" e mi sono ricordato che anche la Gabanelli in report fece

giovedì 20 ottobre 2011

Il decreto sviluppo e le sue peculiarità

Leggendo su internet diversi articoli sul decreto sviluppo mi sono reso conto che alla fine neanche loro sanno quello che vogliono fare e non sono l'unico a dirlo, però...

venerdì 14 ottobre 2011

Steve Jobs

Faccio una premessa, nella quale ammetto una colpa, non è corretto parlare di un defunto. Ma ultimamente, leggendo i vari giornali, si è parlato di lui in termini da santone, da guru, da profeta, scadendo a volte in banalità assurde sinceramente credo che meritasse molta più attenzione e che fosse più innovativo una persona come Barnard che nel lontano 1967 fece il primo trapianto di cuore. Comunque non voglio addentrarmi in un discorso pro e contro qualcuno, però conoscendomi avrete capito che una qualche ricerca l'ho fatta ed ho trovato qualche sorpresa.

mercoledì 12 ottobre 2011

martedì 11 ottobre 2011

La rivista Nature entra nel merito del terremoto dell'Abruzzo

La rivista scientifica Nature, il 15 settembre scorso, ha pubblicato un interessante articolo pieno di dati e ipotesi che fa iniziare il testo con una domanda, "Colpevoli?", dove per colpevoli viene intesa la Commissione Grandi Rischi che si riunì il  31 marzo 2009, esattamente 6 giorni prima della catastrofe.

lunedì 10 ottobre 2011

Bossi ha ceduto il simbolo della lega a Berlusconi?

Alla luce di quello che è successo ieri a Varese, ovvero l'imposizione dall'alto di un candidato alla guida della Lega della città e non con elezione come è sempre stato, prende sempre più piede l'ipotesi che Bossi non possa "staccarsi" da Berlusconi. E' un articolo molto lungo ma vale la pena leggerlo e vederlo tutto. Ditemi pure la vostra opinione alla fine.

Era il 1998, Bossi entusiasmante annuncia che la Lega avrebbe avuto anche lei una banca! Nel 2000 viene fondata la Credieuronord, ma già da subito le cose si mettono male e nel 2004 chiude, sia gli stessi dirigenti che Bank Italia notano che le cose non vanno proprio come dovrebbero infatti da accertamenti (1) (2) si scopre che non vengono rispettate leggi, norme e regole, lo stesso Tremonti manda gli ispettori, insomma una pessima figuraccia.

venerdì 7 ottobre 2011

Fusione DMT-Mediaset, indaga l'Antitruist

Vi ricordate tempo fà? L'avevo detto in questo post che c'era il rischio di creare un monopolio pericoloso per la nostra televisione, non fu fatto niente per impedire l'acquisizione di DMT da parte di Mediaset ed ora si è arrivati a questa conclusione...

Dopo l'incazzato...gli incazzati!

Scherzo! Però stà succedendo una cosa in America da non sottovalutare. Giorni fà, alcuni "indignados", protestavano per le strade di New York e ad un certo punto passarono sotto i balconi di Wall Street, guardate il video che è apparso sul corriere tv e, a mio giudizio, non abbastanza pubblicizzato.

giovedì 6 ottobre 2011

Della Valle for President

A Ballarò martedì sera si è assistito uno sketch divertente, un Della Valle indispettito dall'ex Ministro della Cultura che ad un certo punto gli dice....

mercoledì 5 ottobre 2011

martedì 4 ottobre 2011

Marchionne VS Bob King - I contratti in America

Questo post è stato scritto domenica pomeriggio e neanche farlo apposta il lunedì l'AD di Fiat-Chrysler  comunica alla Confindustria la sua uscita dalla associazione, con la motivazione che sostanzialmente non si sente più rappresentato da essa.

lunedì 3 ottobre 2011

venerdì 30 settembre 2011

Al Parlamento Europeo parlano di noi... il video

E' importante sottolineare che l'Italia, come ho già detto in alcuni post, soffra a livello di informazione, fortunatamente internet esiste, pertanto ho il piacere di farvi vedere la discussione che è nata il giorno 12 settembre al Parlamento Europeo, sul caso Berlusconi... molto interessante.

giovedì 29 settembre 2011

Avviso ai residenti di Bondeno e dintorni

Oggi pomeriggio mi è capitata una cosa spiacevole, mentre tornavo dal lavoro mi sono fermato ad un distributore di benzine e gpl, alle ore 14.15 era attivo il self service con nessun gestore presente, ho inserito nella colonna del distributore 50€ per avere il diesel e non è successo niente! Ovvero non mi ha dato la possibilità di selezionare la pompa e non mi ha nemmeno dato la ricevuta del mancato erogamento, in poche parole me li ha ciullati! Ma è capitato anche a voi? Ora ho aspettato un gestore ed abbiamo fatto una sana discussione dove mi ha promesso che entro 30 giorni... 30 giorni... i proprietari del distributore controllavano ed eventualmente rimborsavano. Nel frattempo, sentendo anche altre persone, sono venuto a conoscenza che questa pratica in questo distributore di Bondeno sito vicino ad un noto ristorante della zona dotato di ampio parcheggio e sulla statale che collega a Ferrara, è frequente. Volevo avvisarvi.

Agg.to 27 ottobre 2011: Mi sono stati restituiti i 50€ (dopo esattamente 1 mese... vedete un pò voi)

martedì 27 settembre 2011

Massimo D'Alema

E' sicuramente un leader del centro sinistra, ma molte volte il suo nome viene associato a caratteri negativi del suo modo di fare, certamente non cerca nemmeno di farsi amare dai suoi elettori. Di lui si sono dette tante cose e perfino i giudici a volte ne parlano, ovviamente lo vogliono interrogare perchè in certe situazioni risulta sul "pezzo", inteso come tangente.

lunedì 26 settembre 2011

Napolitano... quello sconosciuto.

Questo post è merito di un amico, che mi ha segnalato quanto state per leggere, un amico che, a volte, alla sera copre le spalle del tank e gli prodiga amorevoli cure (per i fan di WoW). Il Presidente della Repubblica in questi giorni lo vediamo indaffarato a cercare una soluzione per la crisi economica, cerca di spronare il Governo a creare investimenti, sviluppo, anzichè creare bordelli in giro (per carità si sviluppa qualcosa anche così, ma certamente non è utile alla nostra economia). La persona, dà l'idea di essere tutta d'un pezzo, ed infatti è uno dei Presidenti della Repubblica che assieme a Ciampi e a Pertini rimangono e, probabilmente, rimarranno nella nostra storia ricordati come grandi uomini. Però... a volte... anche i grandi uomini hanno delle debolezze. Nel 2004, Giorgio Napolitano, era deputato a Strasburgo e guardate questo video.

venerdì 23 settembre 2011

E per la Befana ci arriverà il carbone?

Leggendo un articolo dell'Espresso ho appreso che l'amministratore delegato dell'Enel, dopo esserci rimasto molto male perchè la popolazione italiana non l'ha accontentato sul nucleare, si stia impegnando moltissimo con il carbone.

giovedì 22 settembre 2011

Civiltà vuol dire essere civili...2

E' il secondo caso che denuncio, ma non sono gli unici a cui ho assistito. Oggi pomeriggio, nella mia città, ho assistito a due episodi veramente indecenti, almeno a mio giudizio.

Il perchè del "downgrade" dell'Italia.


Nella vignetta si vedono i dirigenti della Standard & Poor's che discutono, il manager dice: "Così gli insegniamo a non invitarci alle orge"

Ecco come ci vedono all'estero... se poi salviamo l'On. Milanese...

mercoledì 21 settembre 2011

Come creare disinformazione, lezione n. 1

Prendi un sito a caso, quello dell'Istat, quello dove viene rilevato tutto ciò che interessa ad una nazione e mettici dei bei grafici che fanno vedere che il PIL è cresciuto ed eccoti impacchettato una bella notizia, "Il Pil dell'Italia è cresciuto". 









martedì 20 settembre 2011

Presa diretta

Il titolo non riguarda la meccanica, ma molto più banalmente la trasmissione domenicale che c'è su Rai 3 alla sera. E' un programma che fà parte di quel filone giornalistico di indagine sulla scia di Report e che, almeno a me, crea ansia, ovviamente non nel senso più stretto del termine ma nella capacità di creare incazzature talmente grosse che quando poi ti corichi nel letto ti vengono gli incubi. E chi te lo fa fare, direste voi... effettivamente a pensarci bene cosa me ne viene da tutto ciò?

lunedì 19 settembre 2011

Lo sapevate che...2. Il controllo delle nascite.

In Cina oramai da molti decenni, dal 1979, si pratica il controllo delle nascite, per ogni famiglia non è possibile avere più di un figlio, ma anche già dagli anni 60 il governo cercava di frenare le nascite, con sistemi a volte veramente aberranti, come la tortura o l'aborto forzato, per fortuna ora si incorre "solamente" in una multa ed in qualche caso è persino possibile averne due.

venerdì 16 settembre 2011

I numeri nella strage di Ustica.

100 milioni + interessi e spese accessorie sono i soldi che due Ministeri, quello dei Trasporti e della Difesa, dovranno dare alle famiglie delle vittime della strage di Ustica, 81 il numero delle vittime dell'aereo, di cui 13 bambini e 13 vittime nei mesi e anni successivi, tutti militari, tranne uno, il sindaco di Grosseto.

giovedì 15 settembre 2011

I Brics soccorrono i Piigs

Notizia di questi giorni che i paesi emergenti i Brics, ovvero Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, aiuteranno l'Europa ad uscire da questa crisi, paesi che hanno economie, al momento sane, e che crescono sempre di più. Ma che cosa hanno fatto o che cosa fanno per mantenere una costante crescita economica e di sviluppo a differenza di noi Piigs (ovvero Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna)?

mercoledì 14 settembre 2011

Il punto su Fukushima, le madri in rivolta.

In questi giorni su parecchi giornali sono comparse foto che ritraggono la zona dello tsunami dopo 6 mesi dello stesso disastro e mostrano come i solerti giapponesi abbiano praticamente ripulito e ricostruito parecchie delle cose andate distrutte dalla terribile tragedia. Inoltre leggendo sul Corriere on line di oggi questo articolo ho pensato di cercare ulteriori fonti per capire come stiano andando realmente le cose laggiù e purtroppo devo dire che non sembra che stiano andando poi così bene.

martedì 13 settembre 2011

IPv6, questo sconosciuto

Sfogliando la rivista di informatica CHIP Computer del mese di settembre, alla pagina 40, c'è un servizio che parla del nuovo protocollo di comunicazione IPv6 e non me ne vogliate ma non ho intenzione di entrare in dettagli tecnici per spiegare che cosa sia, anche perchè non ne ho le conoscenze tecniche vere e proprie.

lunedì 12 settembre 2011

Fotovoltaico, lo sviluppo nel mondo e le complicazioni in Italia

A volte credo proprio che amo farmi del male da solo! Ho trovato per caso su internet questa notizia, stavo facendo una ricerca sull'industria del fotovoltaico e mi sono imbattuto su questo sito appunto, dove analizzano il mercato del fotovoltaico, dall'industria al pannello, dalle celle alle risorse e lo sviluppo stesso dei materiali.

venerdì 9 settembre 2011

Referendum

Ragazzi è importante andare a firmare questo referendum entro fine settembre, se ci si riesce viene indetto il referendum prima del 2013 e conseguentemente si andrà a votare con una legge elettorale diversa, guarda caso l'unico giornale e mezzo di informazione che ne parla a livello nazionale è la Repubblica.

http://www.repubblica.it/politica/2011/09/08/news/referendum_porcellum-21375371/?ref=HREC1-1

Io ho già firmato e tu?

giovedì 8 settembre 2011

I bambini di una volta

Siamo proprio ancora dei bambini! Lunedì sera abbiamo ripreso, dopo la pausa estiva, a giocare al nostro gioco di ruolo preferito (anche l'unico a cui giochiamo a dire il vero), tra ferie, gelati e chili in più, nel mio caso, ci siamo ritrovati assieme e come sempre abbiamo sparato più "caz..te" di un M240. Si potrebbe dire che tutte le sere in cui ci troviamo si svolge lo stesso identico canovaccio, ritrovo alle 21 circa, un'ora di sfoghi lavorativi, dove lo stressato di turno si sfoga e gli altri ascoltano e rincuorano, mezz'ora ha parlare delle avventure sentimentali di uno di noi, ed infine il gioco (dopo aver però "menato" uno, praticamente sempre lo stesso, spara delle "caz..te" che sono micidiali!).

mercoledì 7 settembre 2011

No comment...



Notare chi c'è a fianco di Sacconi...

Il prossimo Truman potresti essere tu! L'art. 8


Ecco il testo del famoso articolo 8, di cui tanti parlano ma nessuno magari avrà letto.


ART.8
Sostegno alla contrattazione collettiva di prossimità. 
1. I contratti collettivi di lavoro sottoscritti il livello aziendale o territoriale da associazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o territoriale, ovvero dalle loro rappresentanze sindacali operanti in azienda ai sensi della normativa di legge e degli accordi interconfederali vigenti possono realizzare specifiche intese con efficacia nei confronti di tutti i lavoratori interessati a condizione di essere sottoscritte sulla base di un criterio maggioritario relativo alle predette rappresentanze sindacali, finalizzate alla maggiore occupazione, alla qualità dei contratti di lavoro, all’adozione di forme di partecipazione dei lavoratori, alla emersione del lavoro irregolare, agli incrementi di competitività e di salario, alla gestione delle crisi aziendali e occupazionali, agli investimenti e all'avvio di nuove attività.

Giù le mani dal mio stipendio


Prego indignatevi pure, dal sito Dagospia
Da qualche mese Ferruccio Fazio, aprendo la sua busta paga, non fa salti di gioia. Appena diventato ministro della Salute, il governo aveva deciso di tagliare del 10 per cento le buste paga di tutti i ministri e sottosegretari non eletti in Parlamento. Non solo: gli uffici competenti gli avevano tolto anche altri soldi, in base a un altro articolo del decreto 78 del maggio 2010.

martedì 6 settembre 2011

Ma guarda un pò! Avevo ragione...

E' si, avevo ragione, contro l'euro si era scatenata una guerra per cercare di distruggere la moneta unica, l'avevo ipotizzato qualche giorno fa in questo post e ora sembrerebbe che dietro a tutto ci sia una regia. Su l'Espresso di due venerdì fa vennero intervistati due ex-agenti che lavoravano per le agenzie di rating, Moody's e Standard & Poor e raccontavano come fino ad una decina di anni fà chi lavorava per queste agenzie erano principalmente degli hippy e intellettuali anticonformisti della finanza e che poi arrivarono personaggi ambiziosi e superdinamici.

lunedì 5 settembre 2011

Il perchè di uno sciopero

Domani ci sarà lo sciopero generale indetto dalla CGIL, delle tre confederazioni sindacali più grosse è l'unica che ultimamente sta indicendo parecchi scioperi. Perchè solo lei è la prima domanda che mi pongo, perchè CISL e UIL negli ultimi tre anni non hanno indetto scioperi o manifestazioni importanti, l'ultima che io ricordi risale al 30 ottobre 2008 dove a fronte dello scempio nei confronti dell'istruzione i tre sindacati uniti indissero uno sciopero che ebbe un successo notevole, milioni di manifestanti giunsero a Roma (io c'ero e lo sò) e bloccarono a quel tempo la "riforma Gelmini". Purtroppo dopo quell'occasione il governo decise di adottare la tattica del "Divide et Impera" e fù così che CISL e UIL si separarono di fatto dalla CGIL nelle manifestazioni successive.Ma come mai funzionò così bene?
Beh tutta la legislazione a livello sindacale che venne fatta successivamente era incentrata sullo smantellare i sindacati e le rappresentanze sindacali che non firmavano accordi aziendali, come ad esempio nel caso della Fiat, e quindi dare pieni poteri solamente a chi li avesse firmati e di fatto ad escludere la CGIL che su questi accordi aveva parecchio da ridire e poi i dirigenti sindacali CISL e UIL vennero ricompensati e di fatto "ingabbiati" nelle scelte del governo. Ad esempio, Angeletti (UIL)  siede come consigliere di indirizzo nella Fondazione Craxi, assieme a Brunetta, Sacconi, Frattini, De Michelis, Castro e tanti altri dell'area PDL, Bonanni invece ha un rapporto di amicizia con Sacconi. In Italia è sempre così, l'interesse generale viene messo da parte quando ci sono interessi privati, specie fra personalità di peso, ma torniamo a domani, perchè? Perchè io vorrei che mia figlia quando sarà grande possa essere tutelata e avere la possibilità di trovare un lavoro come ho fatto io, perchè un giorno non venga da me il capo e mi dica: "tu adesso o lavori in nero o ti licenzio" (a me è capitato anni fà), perchè un lavoratore che venga obbligato a lavorare durante le festività venga retribuito maggiormente (in certi centri commerciali, le domeniche non vengono pagate con la maggiorazione) e tanti altri. In altri post precedenti ho già detto che lo scopo attuale è quello di produrre a basso costo, vendere a prezzi più bassi e cosi via, però... a nessuno viene in mente che è per questo che ci ritroviamo con le braghe in mano ora? Se la maggioranza della gente a malapena riesce a raggiungere la fine del mese, come si può pensare che acquisti la macchina, i vestiti, o altri generi? Noi, inteso come italiani, dobbiamo cominciare a pretendere dai nostri politici, dai nostri dirigenti maggiore potere, non svendere quello che ora abbiamo, capisco che ognuno di noi ha paura, ma è proprio per questo che stiamo peggiorando, nessuno si confronta, tutti taciamo. Vorrei sapere se i dirigenti o i capi si sono ridotti gli stipendi o i benefit, io direi di no (l'ACLI comunica che al giorno la differenza media tra operaio e dirigente è di 365€!) e perchè allora solo noi? Perchè attaccare l'art. 18, unica arma del dipendente per non rimanere un numero nell'azienda? E' questa la soluzione? Una volta che siamo diventati tutti precari, perchè è questo che si vuole, chi riuscirà ad acquistare la casa, farsi una famiglia o permettersi delle ferie? Provate a chiedere quei ragazzi che oggi sono a casa alla ricerca di un lavoro, sotto i 30 anni 1 SU 3 è disoccupato! Stiamo nascondendo la testa come gli struzzi, negli anni del dopoguerra sono state fatte lotte senza quartiere per avere dei diritti e noi nell'arco di 3, dico 3 anni c'è li lasciamo scappare, ma una volta persi non pensate che poi ritornino. Basta. Fate quello che volete ma domani c'è uno sciopero e se credete che stare al lavoro sia la soluzione migliore... beh chiedetevi perchè in Cina non fanno mai sciopero.

domenica 4 settembre 2011

art. 18 e licenziamento

Ecco come funziona realmente in Europa http://www.intrage.it/rubriche/lavoro/licenziamenti/licenziamentoineuropa/index.shtml, e vi sembra che sia così diverso dal nostro attuale sistema? E sopratutto che sia realmente la mossa che possa salvare l'Italia dai problemi economici, abbiamo passato numerosi crisi con l'art. 18 e per questo non è passato in mente a nessuno di modificare l'articolo e ne siamo comunque usciti, persino in America il licenziamento senza giusta causa può avere delle ripercussioni per il datore di lavoro. Art. 18, pensioni, iva, riduzione delle detrazioni, o... mai che una che sia una che vada contro quelli che realmente evadono o non paghino le tasse!?

venerdì 2 settembre 2011

Figure di m....

Può capitare a tutti di farle, ma poi si cerca di rimediare in un qualche modo e di andare avanti. Invece no, c'è qualcuno che imperterrito continua a farle e a creare imbarazzo più per se stesso che per altri, questo è il Presidente del Consiglio, provate ad ascoltare quello che dice alla Merkel durante gli incontri internazionali che si sono svolti ieri a Parigi, se non sbaglio, riguardanti il dopo Gheddafi.


Ovviamente non può dire che tutto vada male e che non riesce a trovare la quadra della situazione, sarebbe come darsi dell'incapace e considerato che su 10 anni ha governato per 8 e soprattutto andava dicendo in giro per il mondo che in Italia la crisi si era superata benissimo è un pò grossa. Però notate come la Merkel lo ha liquidato e come lui dopo quella domanda della cancelliera sia andato immediatamente via e quelli dietro lui se la ghignavano. Siamo ridicoli ormai... e voi siete ancora sicuri che non ci sia niente di meglio?

giovedì 1 settembre 2011

Vietato scontare! Nuova legge approvata all'unanimità dal parlamento.

E' iniziata la scuola, o meglio, sta per iniziare e i nostri amici politici in un sol blocco hanno votato a favore del limite agli sconti sui libri, è una cosa vergognosa. Si parla tanto di liberalizzazioni, di lasciar fare al libero mercato e poi, in sordina, è il caso di sottolinearlo, approvano all'unanimità leggi vergognose, vi lascio qualche link per informarvi meglio.

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2011-08-02/libri-vendita-limiti-sconti-064042.shtml?uuid=Aabr43sD

http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2011/07/28/news/libri_mai_pi_sconti_oltre_il_25_polemiche_per_la_norma_anti_amazon-19736908/

mercoledì 31 agosto 2011

Dettagli sull'ennesima modifica della manovra

Questo post è stato scritto ieri sera, l'attualità sembrerebbe mutare tutto ma l'obiettivo di fondo è un ragionamento che spero sia condivisibile con la maggior parte di voi, se avrete voglia e tempo leggetelo tutto. Il giorno 23 agosto 2011 Bossi annuncia: "No ad ogni intervento sulle pensioni", analoghe dichiarazioni da tutta la lega, il PDL nel frattempo cerca di manovrare per togliere la supertassa e alzare l'iva, Tremonti cerca di non sopperire a tutto questo "fuoco incrociato", risultato allo stato attuale... si toccano le pensioni e viene tolta la tassa di solidarietà e si promette di fare di più nel campo dell'evasione fiscale. Non entro nel merito della questione, d'altronde mi sono già espresso parecchie volte e sempre in senso negativo, l'economia gira se la gente ha la "pila" se sono anni che tirano la cinghia hai ben poco da sperare.

martedì 30 agosto 2011

Novembre 2010: Francia e Gran Bretagna dichiarano guerra allo Southland.

Effettivamente il titolo scelto è ad effetto, ma è reale. Infatti nel novembre 2010 queste nazioni organizzano per la prima volta un'esercitazione militare congiunta sul territorio francese, simulando una aggressione ad uno stato dittatoriale del nord-africa, ripeto siamo a novembre 2010, l'esercitazione avrebbe dovuto iniziare nel marzo di quest'anno, esattamente il 21 marzo, ma, la realtà ha preceduto la fantasia, l'intervento pianificato da novembre è scattato il 19 marzo in Libia. Coincidenze? Forse, ma probabilmente qualcosa dovevano averlo capito da tempo i servizi segreti occidentali, rimane il fatto che noi italiani ci siamo lasciati cogliere impreparati, infatti se a novembre Francia e GB stavano preparando esercitazioni congiunte noi nel frattempo intessevamo ancora rapporti molto stretti con Gheddafi, come dimostra lo stupore dei nostri politici nei confronti della rivolta e come si espresse a suo tempo Berlusconi: "Non voglio disturbare Gheddafi". Sicuramente per le nostre missioni diplomatiche in quella nazione questo è stato un duro colpo, noi eravamo i primi partner con questo paese e quindi, è anche logico che Francia e GB non ci abbiano informato. Comunque, stando così le cose non sembra esserci niente di strano, però... (e se ormai avrete capito come ci sguazzo in queste cose) c'è un'altra cosa che rimane lì sospesa nell'aria, ed è una persona, è Khalifa Belqasim Haftar. Ex comandante libico, amico di Gheddafi nei primi anni della rivoluzione, poi caduto in disgrazia a causa delle sconfitte militari con il Ciad tant'è che è stato costretto all'esilio, provate un pò ad immaginare dove? Scappò negli USA e si stabili in Virginia, vicino alla base della CIA, Langley e precisamente a 8 km da essa. Quindi, riepiloghiamo, Francia e GB a novembre 2010 iniziano a prepararsi ad una escalation militare con esercitazioni da tenersi a marzo, negli Stati Uniti c'è un ex-fedelissimo del regime di Gheddafi che viene mandato in Libia agli inizi della rivolta e prende in mano la situazione uhm... Giova sapere che nella Libia le rivolte sono state lanciate non da movimenti di piazza, insurrezioni o masse inneggianti a leader dell'opposizione, ma da internet! Infatti la popolazione libica, pur essendo sotto una repressione dittatoriale, stava "bene", il reddito medio era di 11300 dollari e i programmi di assistenza erano abbastanza elevati, fondamentalmente non c'era gente che moriva di fame come negli stati vicini. Ma allora perchè la gente ha iniziato la rivolta? E perchè il tutto è partito da internet e perchè la sommossa ha avuto come scintilla la città più lontana da Tripoli e non come in Tunisia ed in Egitto dove la rivolta è scoppiata nelle relative capitali? E perchè l'ex-comandate e agente della CIA è comparso in Libia subito dopo i primi scontri? Mah... che sia perchè la Libia ATTUALMENTE DETIENE LA SESTA POSIZIONE IN QUANTO A RISERVA DI PETROLIO e che la sua stima della vita media residua si attesti attorno ai 76 anni?!

Alcuni link ulteriori a cui attingere informazioni.
http://www.southern-mistral.cdaoa.fr/GB/index.php?option=com_content&view=article&id=54&Itemid=67
http://italian.irib.ir/analisi/articoli/item/91835-libia-ex-agente-cia-al-comando-delle-forze-anti-gheddafi
http://coriintempesta.altervista.org/blog/guerra-in-libia-era-tutto-programmato/
http://www.libreidee.org/2011/04/libia-war-game-raid-franco-inglesi-gia-pronti-dal-2010/

lunedì 29 agosto 2011

C'è terremoto e terremoto

E' passata Irene ed ha fatto più danni e vittime del terremoto di qualche giorno fa. In tutto il mondo avvengono ogni giorno decine di terremoti, fortunatamente a livelli bassi e quasi impercettibili, è naturale, le placche tettoniche si spostano e si scontrano, ma non mi addentro in spiegazioni ulteriori non essendo uno specialista rischierei di dire delle cavolate ed in base a quello detto da me in questo post "l'ignoranza" è meglio lasciar perdere. Invece mi soffermavo su 2 avvenimenti ben precisi che a mio giudizio non sono ancora usciti o vengono volutamente taciuti, mi riferisco al terremoto di qualche giorno fà a New York - Virginia e a quello dell'Aquila di qualche anno fà. Raffrontiamoli, New York: magnitudo 5.8 profondità 6 km durata poco meno di un minuto, qualche danno ma non si registrano grossi danni o morti, Aquila: 5.8/5.9 a seconda delle registrazioni, profondità 8,8 km durata 40 secondi, 308 morti e più di 1600 feriti, danni non ne parliamo... Se ci fosse un appassionato di enigmistica direbbe "Scopri le differenze fra le due situazioni". In Virginia, luogo del terremoto in America, il tutto è passato con un grosso spavento e qualche danno, da noi una tragedia, ma come è possibile? Alcuni danno spiegazioni particolari e tecniche di cui non voglio neanche sapere o addentrarmi però nonostante siano stati simili come terremoti in quello del continente americano nonostante la zona non fosse sismica e quindi i criteri di costruzione delle case non sono legati a dei vincoli particolari, le abitazioni, gli edifici sono rimasti in piedi, da noi no, nonostante la zona dell'Aquila fosse altamente sismica. Alcuni parlavano di edifici vecchi, i nostri, alcuni sostengono che le modalità e i terreni dove si è sviluppato il terremoto siano molto differenti, però metteteci tutto quello che volete ma da noi è cascato giù tutto, compresi ospedali e edifici pubblici, non solo la casa del contadino sfigato. Io credo che la differenza sostanziale fra noi e gli americani sia tutta qui, in questo audio 

venerdì 26 agosto 2011

...a proposito di evasori e della Marcegaglia

Riporto l'articolo del Corriere:

Concia, maxi evasione per 106 milioni. Ottocento lavoratori irregolari e 1,3 miliardi di patrimoni all'estero non dichiarati per i vicentini della Mastrotto Group. Il gruppo: cifre sproporzionate, il "nero" per gli straordinari è prassi diffusa.
VICENZA - Tonnellate di pellame vendute senza fattura, per oltre 10 milioni di euro, soldi che venivano fatti sparire dalla contabilità fiscale grazie a degli artifizi fiscali. Circa ottocento lavoratori pagati parzialmente in nero: operai e dirigenti a cui venivano corrisposti dei consistenti fuori busta, per un importo complessivo che è stato calcolati in 9 milioni di euro. Ed ancora oltre 106 milioni di euro di reddito «nascosto» al fisco italiano presso società di capitali oltre confine e patrimoni non dichiarati all'estero per oltre 1,3 miliardi di euro. Sono questi i principali numeri dell’indagine condotta dalla Guardia d Finanza di Vicenza che ha scoperto un'evasione di dimensioni colossali. Coinvolto uno dei principali gruppi imprenditoriali della concia della Valle del Chiampo, la Mastrotto Group, con sede ad Arzignano. Responsabili i fratelli Bruno e Santo Mastotto, che sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per evasione fiscale.Fondatori dell’importante gruppo conciario, amministratori e proprietari di fatto di quella che i finanzieri definiscono una galassia societaria retrostante alla struttura imprenditoriale vicentina: un castello di società di capitali, quattro con sede in Lussemburgo, due delle quali holding gemelle, e due trust con sede nell'isola di Mann. Imprese sotto il controllo italiano e di fatto amministrate in Italia, quindi ricondotte a tassazione nazionale e di fatto considerate evasori totali. L’avvio delle verifiche finanziarie da parte del Nucleo di Polizia tributaria, coordinatore dal sostituto procuratore Marco Peraro, ha preso il via da un'indagine per corruzione che ha ipotizzato il pagamento da parte dell'azienda Mastrotto Group di una tangente da 300 mila euro nei confronti di professionisti e funzionari dell'Agenzia delle Entrate. Pagamento che sarebbe avvenuto nel 2008.Da quell’episodio la Finanza ha voluto approfondire meglio la situazione del gruppo con verifiche fiscali che hanno interessato gli anni dal 2005 ad oggi. Ed ecco come è emersa l'evasione di respiro internazionale. «Si è trattato di un’operazione molto complessa, che ci ha tenuti impegnati per oltre un anno - ha fatto sapere il col. Antonio Morelli, Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza – un ingente danno all’Erario ma non solo, anche alla libera concorrenza e al libero mercato. Cercheremo di contrastare in modo sempre più drastico tali fenomeni perché non è più tempo di giocare coi soldi italiani, soprattutto in questo particolare momento storico. Abbiamo le potenzialità per arrivare a ricostruire le situazioni patrimoniali a distanza di anni, come nel caso della Mastrotto. Abbiamo dimostrato di essere bravi quanto i migliori consulenti aziendali. Scoveremo e puniremo tutti coloro che costruiscono artifizi fiscali. Che ci provino pure, li staneremo».Il gruppo Mastrotto, precisa la società in una nota, «ha fornito ampia collaborazione alle Fiamme Gialle e sta regolarizzando le posizioni contestate sui dipendenti. Il gruppo non solo non si riconosce nelle cifre divulgate, sproporzionate rispetto a quanto riferibile al gruppo, ma resta colpita dalla rappresentazione della realtà che e' stata fornita dal comunicato stampa della Guardia di Finanza che, cumulando importi riferiti a più periodi d'imposta, rischia di provocare un notevole danno di immagine assolutamente ingiustificato». Le irregolarità ammesse riguardano la corresponsione fuori busta in passato di parte degli straordinari. «Prassi diffusa nel territorio - si aggiunge - cui il gruppo è stato costretto ad adeguarsi solo per mantenere e acquisire le risorse umane necessarie alla sua crescita.

Benedetta Centina

SCOMMETTIAMO CHE NON FINIRANNO IN GALERA!

Emma Marcegaglia

Il giorno 24 agosto 2011, Emma Marcegaglia ha rilasciato un'intervista a Repubblica, cito parole testuali prese da quello che è stato scritto; intervistatore: "Non è forse più sostenibile socialmente un prelievo sui ricchi piuttosto che il contributo di solidarietà per chi guadagna da 90 mila euro in su?" Marcegaglia: "Guardi, io sono totalmente in disaccordo con il contributo di solidarietà inserito nel decreto sulla manovra. CHI PRENDE 90 MILA EURO, SOPRATUTTO SE HA FIGLI A CARICO, NON E' CERTO RICCO. La verità è che si colpisce chi già paga le tasse. Questo è inaccettabile." COSA!!!! CHI PRENDE 90.000 NON E' RICCO!!!! SOPRATUTTO SE HA FIGLI A CARICO!? MA CHI PRENDE 20.000 ALLORA? CHI CAZZO E'? Un mendicante? Ma vi rendete conto con chi abbiamo a che fare? Cara Emma, 90.000 euro certamente non ti fanno diventare un milionario con yacht, ville, castelli in giro per il mondo però la casa al mare o in montagna te la puoi permettere come ti puoi permettere la moto e la barchetta al mare. E poi i figli a carico, ma li mantiene a caviale e champagne per non riuscirci con quella cifra? La verità ragazzi è che questa gente ha perso contatto con la realtà, ormai crede di più nella pubblicità che alle persone che lavorano con loro, se lei stessa andasse più spesso dentro le sue fabbriche a vedere come si lavora e a parlare con i suoi dipendenti forse si comporterebbe in maniera differente, probabilmente avrebbe un pò più di ritegno nel parlare. Quando la gente parla, cazzo ascoltate quello che dice, è attraverso queste interviste di tipo soft che esce la vera natura delle persone, non è davanti la tv o la radio che uno cerca di trattenersi da opinioni "al di fuori della proforma".

giovedì 25 agosto 2011

La mela bacata - di Fabio De Ponte

Sembra fatto apposta mettere questo post proprio il giorno dopo in cui Steve Jobs abbandona la Apple come CEO, come se fosse un segno di mancanza di rispetto e sicuramente potrebbe essere letto in questo senso, ma personalmente ritengo che il rispetto per l'uomo che soffra sia una cosa, nel quale mi associo anch'io, e un altro il metodo lavorativo. Ed è su questo punto mi soffermo, su quello lavorativo, anche se... Mi è capitato di passeggiare per il centro qualche giorno fà e come di consueto sono andato nelle librerie del centro per curiosare un pò fra le varie novità e sono stato attratto da questo libro, edito da Editori Riuniti, parla dell'Apple e di Steve Jobs, inoltre al suo interno riporta parecchie testimonianze di chi ci lavora, chi ci ha lavorato e tanto altro, è uscito in libreria qualche mese fà. Scuriosando qua e là su internet sono venuto a scoprire che ultimamente parecchi blog, libri e siti stanno cominciando a discutere non sempre in modo positivo di Steve Jobs, ad esempio anche questo libro rivela un lato oscuro della mela. Ne parlai anch'io tempo addietro in un paio di post se vi ricorderete.


e ci aggiungo questa intervista fatta da Radiouno durante il programma "Start", ascoltate l'audio




p.s. può essere che a volte non sia raggiungibile il sito divshare.com dove fisicamente si trova il file e che quindi non sia visibile e fruibile l'audio. Chiedo scusa per il disguido.

mercoledì 24 agosto 2011

Import & Export, ovvero importare miseria ed esportare ricchezza.

Cosa stà succedendo nel mondo occidentale, il benessere, o la parvenza di essa, raggiunta negli ultimi decenni dov'è adesso? Discutendo ad una festa con un mio amico ragionavamo sul fatto che una volta, primi anni 70 fino agli anni 90, una famiglia dove avessero lavorato sia la moglie che il marito erano in grado, risparmiando ovviamente, di "mettere", anche grazie alle liquidazioni, su 2 o 3 case, a seconda ovviamente della tipologia delle stesse, oggi  si è già fortunati se i due lavorino e che riescano mantenersi l'affitto... non il mutuo. Io personalmente non mi sognerei di "mettermi alla ricerca del mutuo" in questo momento, non sarei in grado di affrontare la spesa e fortunatamente non ne ho bisogno, ma purtroppo conosco diversi ragazzi che con questi conteggi ci devono convivere e "tirare" un sospiro di sollievo se alla fine del mese riescono a pagare la rata del mutuo. Ma perchè siamo arrivati a questo punto, e da quando è cominciata la discesa dei nostri redditi? Non è facile indicare un momento esatto o un evento che abbia generato la discesa del potere d'acquisto, inoltre gli scenari sono diversi per ogni nazione, ad esempio in Italia un incentivo alla ricchezza sono stati i BOT del periodo d'oro, anni 80, toccavano aliquote del 18%, dove però come contraltare trovavamo l'aumento del nostro debito pubblico che veniva in parte mitigato dalla famosa svalutazione della Lira. Erano anni che questa politica permise a chiunque avesse un pò di soldi da parte di arricchirsi, voleva dire che investendo 1.000 € ne avresti avuti dopo 1 anno 1.180, è chiaro che come dicevo prima però lo Stato si doveva indebitare maggiormente per far fronte ad così cospicua uscita. Nel frattempo, la storia scorreva, scivolava verso la fine della guerra fredda, l'URSS e la Cina così distanti iniziavano ad essere sempre più vicine, i paesi orientali diventavano sempre meno chiusi, Taiwan, Giappone, Vietnam, Hong Kong iniziavano a produrre sempre più beni di consumo per l'occidente, prima il tessile poi la metallurgia ed infine lavorazioni sempre più complesse fino ad arrivare ad oggi dove questi stati inviano assieme all'India ed il Brasile propri satelliti nello spazio, e l'occidente cosa fà nel frattempo... si divide. Ma non è una divisione politica, o di "piazza" è una divisione sociale ed economica, per primi i grossi gruppi industriali come Benetton che già da fine anni 80 e primi 90 spostavano la produzione dei loro capi in Cina, la Fiat, inizio a produrre auto in Brasile e poi sempre più spesso anche imprese più piccole che sfruttando la manodopera a basso costo erano in grado di produrre materiali, beni di consumo e altro ancora a prezzi molto convenienti. E nel frattempo gli operai, gli impiegati italiani? Si riconvertivano o andavano in prepensionamento, in fin dei conti nei primi anni 90 era ancora possibile fare qualcosa di diverso ed infatti iniziò tramite le liste di mobilità a grandi assunzioni negli enti pubblici, concorsi per vari posti e così via, intanto il debito pubblico aumentava... Poi venne Berlusconi che, anche se la sua comparsa fu nel 94, il meglio di sè lo stà dando in questo decennio dove negli ultimi dieci anni 8 se li è fatti lui al comando. Fin dai primi vagiti del suo governo 2001-2006 diede vita a numerosi condoni, tombali, fiscali, edilizi e chi più ne ha ne metta, contornato da frasi inneggianti all'evasione fiscale e a questo punto fù il tracollo delle entrate fiscali e dei controlli cosicché quell'enorme debito che si era formato negli anni addietro è esploso, ed è esploso in tutta quella sua virulenza che ci stà lasciando senza speranze e futuro. Dalla ricerca sfrenata dell'arricchimento in breve tempo che ha caratterizzato gli anni 90 con l'esportazione del lavoro da parte degli industriali si è arrivati all'importazione della miseria e degli sbilanciamenti sociali di questi anni, dove la ricchezza sale per chi c'è la già o per chi truffa o evade mentre chi è onesto o non ha avuto fortuna nella vita deve arrabbatarsi. 

martedì 23 agosto 2011

Analisi economica di fine estate -2-.

Ieri eravamo rimasti con una domanda, ovvero chi è il più grande proprietario di case e immobili d'Italia, escludendo ovviamente lo Stato e gli Enti Locali, chi rimane... Berlusconi? Montezemolo? Ricucci? Ve lo ricordate a proposito?! Se per caso ve lo foste dimenticato ve lo ricordo io, si è beccato patteggiando 3 anni, sostanzialmente per truffa ed evasione fiscale e grazie l'indulto è fuori e ora si stà godendo i soldi (nostri) su panfili e affini. In ogni caso non sono questi ad essere i maggiori "palazzinari" del nostro stato ma è il Vaticano. Attenzione, non ho detto Chiesa, ma Vaticano, la religione qui non c'entra e chi solleva la questione è in malafede. Viene calcolato che il Vaticano detenga tra il 20% e il 22% dell'intero patrimonio immobiliare italiano e solo nella città di Roma il valore si aggirerebbe attorno 9 miliardi! Ovviamente la fonte è l'Espresso, quel giornale redatto da quei comunisti che mangiano tutt'ora i bambini, a tal riguardo vi rimando a un link dove vengono espresse varie opinioni su questa tesi. Il 22%... e non sono comprese chiese o edifici adibiti al culto, è un bel colpo alla credibilità, tanto più che con la storia dell'8 per mille lo stato anche a nostra insaputa gli passa un bel pò di soldini. Inoltre non dobbiamo dimenticare anche la faccenda dell'esenzione dall'ICI e dall'IMU (la futura tassa comunale), edifici commerciali come librerie, ostelli, ospedali, scuole e altro non pagano tasse, ne sono esenti mentre le "equivalenti" di un qualsiasi altro cittadino si, l'obiezione che viene rivolta è che gli incassi vengono devoluti per il sostentamento del clero, dei bisognosi, dei cardinali con autista e seminarista, dello IOR, dell'Opus Dei e potrei continuare ancora. Oggi, in base alle notizie di stampa che sento, sembrerebbe che toglierebbero il contributo di solidarietà riferito ai redditi superiori ai 90.000 € per aumentare l'IVA di 1 o più punti e per fare un altro condono, altre misure che aiuteranno sicuramente l'economia, cosicché se uno ha intenzione di acquistare qualche bene ci penserà ancor di più prima di acquistarlo. Questi politici sono proprio la vergogna dell'Italia.

lunedì 22 agosto 2011

Analisi economica di fine estate.

Titolo scherzoso ma pienamente in tema su quello che stà accadendo intorno a noi. In un mio precedente post analizzavo in maniera del tutto personale la situazione che si è creata in Europa e più in generale nel mondo occidentale. Ora sul sito della voce lavoce.info ho trovato una tabella riassuntiva delle manovre che sono state fatte quest'estate per cercare di sistemare il nostro debito pubblico e per abbassare il deficit.


2011
2012
2013
2014
Maggiori entrate
2,3
14,4
31,0
34,9
di cui




   imposta deposito titoli
0,7
1,3
3,8
2,5
tasse sui giochi
0,4
0,5
0,5
0,5
accise benzina/tabacchi
0,0
3,6
3,5
3,5
  IRAP su banche/assicurazioni
0,0
0,9
0,5
0,5
taglio agevolazioni fiscali (1)
0,0
4,0
12,0
20,0
contributo solidarietà
0,0
0,7
1,6
1,6
rendite finanziarie
0,0
1,4
1,5
1,9
altre(2)
1,2
9,2
14,6
11,4





Minori spese
-0,1
9,4
18,8
20,4
di cui




sanità
0,0
0,0
2,5
5,0
altri trasferimenti EELL(3)
-0,4
5,6
6,7
7,4
pensioni
0,0
0,7
1,5
1,6
pubblico Impiego
0,0
0,0
0,0
0,6
ministeri
0,1
7,7
6,9
6,0
altre (4)
0,2
-4,6
1,2
-0,1





TOTALE
2,3
23,8
49,8
55,3
Contributo entrate
104%
61%
62%
63%





(1) Clausola salvaguardia delega fiscale



(2) Ticket sanità, contributo solidarietà pensioni, aumento accise, lotta ad evasione, etc.
(3) Al netto di dotazione fondo trasporti



(4) Provvedimenti "sviluppo", dotazione fondo ISPE, riduzione finanziamento partiti, etc.
Un segno negativo su minori spese significa che le spese aumentano.


ok partiamo da qui. Come si può vedere dallo specchietto tutte le voci delle maggiori entrate sono principalmente a carico delle detrazioni fiscali, dei minori trasferimenti agli enti locali, dai ticket della sanità alle pensioni e cosi via. Ora addirittura stanno parlando anche del rialzo dell'Iva di 1 o 2 punti percentuali mentre il tassare chi ha portato dentro i capitali dell'estero, condonati al 5%, non ci si pensa proprio più. Da ignorantone che sono però mi pongo una domanda; in Italia la maggior parte dei dipendenti raggiungono al massimo i 28000 € e sono circa l'82,7% dei contribuenti italiani, bene... se vengono toccati continuamente queste persone e con l'abbassamento delle detrazioni, specie chi ha famigliari a carico, come faranno ad acquistare beni? Cercheranno di resistere come facevano una volta i nostri nonni ovvero non spendendo niente che non sia indispensabile. Quest'estate aggirandomi per il caldo tottido (scusate ma sono un fan di Totti...pessima lo sò, la parola sarebbe stata cmq "torrido") della  città ho voluto appositamente guardare dentro i negozi se c'era gente e nonostante ci fossero i saldi devo essere sincero non ne ho vista tanta. Ecco che quindi il commerciante a questo punto non vendendo la roba neanche con i saldi è costretto a chiudere, la ditta che riforniva di abiti, non vende più e mette a casa gli operai. Altra situazione, sarebbe necessaria la manutenzione alla casa, ma la persona che ci abita decide di aspettare perchè non cadendogli il tetto in testa preferisce rimandare in attesa di tempi migliori, l'artigiano deve comunque pagare le tasse...beh... ipoteticamente, in ogni caso deve pagare il commercialista l'apprendista o i suoi fornitori ed ecco che anche lui non c'è la fa e si trova costretto a chiudere. Per farla breve avrete sicuramente capito che l'economia gira se c'è della "pila" e qui ormai si stà esaurendo. L'esempio che a me viene sempre in mente come analogia è che il dipendente è come il plancton, la base della vita nel mare, se scompare lui muoiono tutti i pesci, il plancton è il primo alimento della catena, puoi togliere tutti i tipi di pesci che vuoi ma comunque tutto continuerebbe, ma senza l'alimento base il sistema finirebbe. Da noi è la stessa cosa, togli i dipendenti che sono la maggior parte delle persone che acquistano beni il castello crolla, lo sapete chi non viene assolutamente toccato da queste manovre ma anche da diversi anni? I palazzinari, gli speculatori e gli evasori in primo luogo, categorie che hanno fatto del torbido la loro casa, hanno fatto dei giochi per il quale le case vendute come antisismiche in Abruzzo cadessero in testa per una scossa di terremoto tutto sommato normale per quella zona, gli speculatori sono quelli che utilizzano i tuoi soldi per acquistare azioni, titoli con giochi al ribasso e per poi venirti a dire che è un brutto periodo e purtroppo si è perso tutto ma lui nel frattempo si è comprato lo yacht e gli evasori?! Ah... dimenticavo lo sapete qual'è il proprietario immobiliare più grande in Italia, escludendo lo Stato e gli enti locali? Ve lo dico nel prossimo post... che sarà il continuo di questo!